in primo piano

Uilca: ai blocchi di partenza per il rinnovo del CCNL del credito

Si avvicina il periodo caldo per il rinnovo del CCNL del credito. Si è svolto venerdì l’incontro tra le Segreterie Nazionali per definire il percorso di elaborazione della piattaforma rivendicativa, i temi da sviluppare e le specifiche proposte. Sono stati individuati alcuni macro argomenti, divisi in tre commissioni di lavoro:

  • Salario e inquadramenti. Responsabile Uilca: Giuseppe Bilanzuoli
  • Area Contrattuale, Occupazione e Digitale. Responsabile Uilca: Mariangela Verga
  • Formazione, Permessi e Orario di Lavoro, Salute e Sicurezza, Conciliazione Tempi Vita e Lavoro e Smartworking, Tutele. Responsabile Uilca: Fulvio Furlan

Su tematiche specifiche saranno coinvolti anche Giuseppe Del Vecchio, Vito Pepe e Roberto Telatin. Come già indicato dalla Segreteria Nazionale Giuseppe Bilanzuoli avrà il compito di raccordo del lavoro delle Commissioni.

Si arriverà alla stesura di un documento il 20 novembre e sarà poi sottoposto alle Lavoratrici e ai Lavoratori nel corso delle Assemblee che si terranno a dicembre. Solo dopo la fase di consultazione sarà presentata la piattaforma ad Abi nella sua versione definitiva. La Uilca ritiene necessario favorire e valorizzare un dialogo con le Lavoratrici e i Lavoratori nel corso di assemblee che consentano la massima partecipazione anche per poter favorire una consapevolezza del contesto sociale, politico ed economico in cui si apre la stagione di rinnovo contrattuale e, in tale ambito spiegare le ragioni delle proposte che saranno portate ad Abi.

Le Organizzazioni Sindacali condividono i temi e le logiche con cui affrontare il rinnovo del CCNL in un’ottica di unità di visione e di analisi.

Al centro del rinnovo del CCNL sarà cura della Uilca porre al centro le Lavoratrici e i Lavoratori. Per quanto riguarda il tema del Salario i Sindacati concordano sulla necessità di una richiesta superiore al recupero inflazionistico.

Le ripercussioni delle situazioni per le banche andranno ad impattare su cittadini, risparmiatori, famiglie e imprese, con conseguenze complessive molto più articolate, che devono vedere il sindacato assumere con piena consapevolezza e senso di responsabilità il proprio ruolo di agente contrattuale e di soggetto sociale, capace di sostenere le istanze delle Lavoratrici e dei Lavoratori, spingendo nel contempo le banche a trovare modelli di crescita compatibili e sostenibili, secondo i principi e i dispositivi concordati in modo specifico nell’accordo sulle Politiche Commerciali e l’Organizzazione del Lavoro dell’8 febbraio 2017.

Valentina Bombardieri

Addetta Stampa Uilca

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...