in evidenza

Lunedì 23 settembre … si riparte con il rinnovo del CCNL credito, ma non solo

Finalmente. Era ora.

Lunedì 23 settembre alle ore 11 presso la prestigiosa sede dell’Abi, Palazzo Altieri, Roma, riprende la trattativa per il rinnovo del CCNL del credito.

Riprenderemo da dove abbiamo interrotto prima delle ferie e cioè dal documento sulla “cabina di regia” dei processi di digitalizzazione e delle innovazioni tecnologiche e di ciò che questo comporta in tema di formazione, di profili professionali, di orari di lavoro, di smart working e dei molteplici impatti che determina sulla vita dei Lavoratori e delle Lavoratrici.

Nel comunicato del 30 luglio u.s. abbiamo ribadito che: la “cabina di regia” dovrà essere non solo il luogo di analisi e monitoraggio dei processi di innovazione, ma soprattutto di ampliamento di spazi negoziali atti ad anticipare e gestire le tante conseguenze derivanti dalla digitalizzazione (occupazione, riqualificazione e profili professionali, orari). Questa “cabina di regia” troverà definizione (anche nelle modalità operative) nel CCNL e la sua base informativa sarà implementata dai dati, così come richiesto in Piattaforma, derivanti da una nuova formulazione dell’informativa annuale (art. 12). Ribadiamo la centralità del CCNL, rimarcando attenzione sulla valorizzazione della persona e della dignità del lavoro attraverso la richiesta salariale, l’abolizione del livello di inserimento e il riconoscimento di diritti e tutele (a partire dal diritto alla reintegra).

Ci attendiamo dalla delegazione ABI specifiche sul documento presentato e, naturalmente, come Sindacato presenteremo le nostre obiezioni e contro proposte.

Ma dall’incontro di lunedì ci aspettiamo molto di più.

Ci attendiamo risposte sulle richieste contenute nella nostra piattaforma.

È evidente che nel corso dei tre incontri programmati (23 settembre, 10 e 24 ottobre – anche se questa data subirà un leggero slittamento in quanto è in contemporanea con il Congresso europeo e mondiale del nostro Sindacato) la trattativa dovrà subire un cambio di passo notevole.

Sarà nostra intenzione, dopo questa fase di trattativa, fare il punto della situazione, non escludendo fin da ora, che in mancanza di risposte concrete, la parola potrebbe tornare alle Lavoratrici e ai Lavoratori.

L’appuntamento con la diretta Facebook dopo la trattativa del giorno 23 settembre sarà alle ore 18 sul nostro canale Uilcanetwork.

Non possiamo chiudere questo editoriale senza soffermarci sull’incontro, molto ristretto, di mercoledì fra il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte, il Ministro del MEF Roberto Gualtieri e la Ministra del Lavoro Nunzia Catalfo.

In sintesi Landini, Furlan, Barbagallo e Bombardieri hanno riproposto i punti della piattaforma unitaria approvata da centinaia di migliaia di Lavoratrici e Lavoratori italiani.

Dalle dichiarazioni di Barbagallo sul Corriere della Sera di giovedì e di Bombardieri su SKY nella trasmissione dedicata all’Economia, si evince che c’è un notevole cambio di passo nelle relazioni tra Governo e Organizzazioni Sindacali (almeno siamo passati ad un tavolo unico e non ai tavoli dei Vice Premier come nel passato governo), anche se, come al solito, questo Governo verrà giudicato dai fatti e non dall’intenzione.

Nel corso dell’incontro è emerso la volontà del Governo di attenuare il costo del lavoro (cosiddetto cuneo fiscale) tutto a vantaggio dei Lavoratori e il mantenimento degli 80 euro. Altre misure verranno illustrate nei prossimi incontri. Va ricordato che la nostra delegazione ha riproposto anche la detassazione degli aumenti contrattuali. Nei prossimi giorni ci saranno ulteriori incontri e contatti.

Nel frattempo, proprio per non far mancare il fiato sul collo all’Esecutivo, è stata convocata per mercoledì 9 ottobre una grande assemblea dei quadri sindacali di CGIL CISL UIL ad Assago.

Massimo Masi

Segretario Generale Uilca

1 risposta »

  1. Mi fa piacere leggere questo articolo del nostro Segretario Generale sulla ripresa delle trattative per il rinnovo del CCNL ABI, visto che in molti si erano probabilmente dimenticati dell’incontro di lunedì 23 settembre, essendo passati più di due mesi dal precedente (18 luglio 2019) e avendo la questione sindacale lasciato il posto a quella politica, con la telenovela ferragostana
    che ha visto morire un Governo e partorirne un altro.

    In effetti, il sito della UILCA è l’unico fra quelli delle varie OO.SS. a riferire, in copertina, sulla ripresa delle trattative contrattuali ed apprezzo molto il passaggio in cui Massimo Masi afferma: “la trattativa dovrà subire un cambio di passo notevole” e “in mancanza di risposte concrete (alla fine del ciclo di 3 incontri), la parola potrebbe tornare ai Lavoratori”.

    Bene così, ora speriamo che si comporti altrettanto consapevolmente l’ABI.

    Saluti!
    Ferdinando Castellani
    (Ascoli Piceno)

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...